CONCERTO di BIELLA (TO) Ottobre 1998

Il 29 Ottobre 1998 sono stato al concerto di Biella. Il Palasport prima dell’inizio presentava un ottimo colpo d’occhio : parterre e spalti ampiamente gremiti. La serata è iniziata con un intervento sul palco di un rappresentante dell’ ADMO ( Associazione Donatori Midollo Osseo), che illustrava sinteticamente il ruolo fondamentale che svolge questa associazione per combattere la Leucemia (chi volesse avere maggiori informazioni su questo tema può contattarci . . . ).
Il concerto è stato aperto da Danilo con " Una storia da raccontare " , canzone che come certamente saprete si schiera apertamente contro la pena di morte . Al termine della canzone Danilo ha letto a lungo un volantino promosso dalla Comunità di S. Egidio, dove si invitavano le persone presenti a firmare per sottoscrivere un appello " Per una moratoria della pena di morte entro il Duemila " e ha dato ampio risalto al fatto che l’ uso della pena di morte, dove utilizzata, non è stato un deterrente efficace, anzi da anni i reati gravi non hanno subito alcuna riduzione significativa e soprattutto un paese civile ha il dovere di non mettersi alla stregua dei criminali e nessun uomo ha il diritto di disporre della vita o della morte di un altro suo simile. Ci impegniamo a riprendere questo tema in prossimi notiziari.
Per il resto il concerto musicale è stato bello, con ampia esecuzione di brani dell’ ultimo album e del vecchio repertorio, la durata ha sfiorato le solite 3 ore .
Purtroppo c’è stata anche qualche nota dolente come l’eccessivo controllo al momento dell’ingresso delle borse e degli zainetti da parte della Forza Pubblica (cosa alquanto insolita ai nostri concerti), l’eccessivo costo del biglietto ( L. 32.000 )deciso dagli organizzatori locali, l’eccessiva burocrazia e arroganza del servizio di sicurezza interno che mi impediva con argomentazioni svariate e a me incomprensibili di aprire e appendere lo striscione del nostro Fans Club in qualunque punto del palasport e mi impediva anche di poterlo mettere arrotolato chiuso sul palco per la consueta lettura finale da parte dei nostri beniamini. Allo stesso modo hanno trovato difficoltà anche gli altri fans che volevano appoggiare sul palco i soliti messaggi da leggere od oggetti regalo per il gruppo. Da segnalare anche e da rimproverare le intemperanze e litigate tra fans nel parterre che volevano seguire il concerto da seduti e altri fans che volevano restare in piedi (come di solito), contrasto che ha richiesto l’ intervento della Forza Pubblica. Tutto ciò sicuramente non è da imputare ai Nomadi e al loro staff, in quanto erano ospiti ed il concerto non era stato organizzato da loro ma da altri. Sicuramente quando i concerti sono organizzati da Dinelli il risultato è migliore.


Dome sn


INDICE     HOME PAGE