“Cronaca di due giorni indimenticabili”
NOMADI - 29 Giugno 2002 - CONCERTO DI GERMAGNANO


Finalmente è successo, dopo sei anni di concerti e aver percorso migliaia di chilometri, posso dire di aver fatto qualcosa di concreto, di aver contribuito in prima persona ad un concerto mille volte visto e mille volte sognato...
Siamo arrivati il mattino carichi di allegria, consapevoli però che dipendeva anche da noi la buona riuscita della serata, perlomeno abbiamo voluto provarci con tutte le nostre forze.
Dopo aver montato, tra foto risate e scherzi il nostro piccolo accampamento, ci siamo ritrovati nella piazza
dove già ci attendeva il camion con il palco. Ragazzi abbiamo bisogno di una mano.
Detto fatto, ci buttiamo a capofitto io, il fratè Ettore, il buon Ezio, il gigante buono Fabrizio, l’ultimo arrivato ma non da
meno importante Eliseo detto Ugo e il nostro sempre simpatico ma anche un pò impacciato presidente Massimo ed è così che in un batter d’occhio il palco era pronto. Giusto il tempo di rinfrescarci con una birra fresca che si ricomincia.
E’ arrivato il cammion degli strumenti.
Dico solo che dopo tre ore io e il fratè ammiriamo con soddisfazione il lavoro fatto, palco e strumenti sono pronti aspettiamo solo i Nomadi per le prove.
Finalmente il concerto inizia, noi ci dividiamo i compiti, chi alle biglietterie, chi al banchetto del fans club, chi a preparare panini, ecc.. insomma tutti eravamo impegnati in qualcosa, forse anche in cose che non ci spettavano ma và bene così, tutto è stato fatto con semplicità e orgoglio.
La sera passa via velocemente, tra note lontane di canzoni, emozioni di sguardi felici, sorrisi complici di un sogno e la paura che tutto finisca troppo in fretta. Purtroppo è proprio così, è già tutto finito ma non per noi, i soliti cinque ricominciano, si smontano strumenti e palco dando fondo alle ultime risorse, sperando di aver reso felici le duemile e più persone accorse per l’evento.

Le nostre fatiche sono state ripagate dai tecnici dei suoni e delle luci che a fine serata si sono complimentati con noi abbracciandoci con la promessa di ritrovarci al più presto, magari sabato 6 Luglio a Villar Perosa.
Non vi stò a raccontare le poche ore di riposo o la domenica successiva dove siamo stati ospiti della pro loco di Germagnano, mi preme piuttosto ringraziare tutti coloro che hanno condiviso questa due giorni, chi si è dato da fare, chi con un sorriso ci ha ringraziato e anche chi forse ci ha criticato, ma soprattutto ci tengo a scusarmi se nella nostra non esperienza abbiamo avuto delle lacune o se l’organizzazione non è stata perfettamente efficiente, vorrà dire che se tutto è andato bene ci ritroveremo tra un anno per "una nuova due giorni indimenticabile" ?
Grazie
Grazie a tutti

Flavio Vagabondi Genovesi