CIGLIANo (vc) 20O9

 

Il tour estivo 2009 è verso la conclusione e senza ombra di dubbio è stato un tour a dir poco anomalo, che per fortuna non ha avuto risvolti ben peggiori. Anzi, il nostro caro Danilo  è ritornato , eccome se è ritornato.

Dopo Castagnole, che tutto il popolo nomade ricorderà per sempre come uno dei concerti più emozionanti, che ha visto il ritorno sul palco di Danilo dopo tre lunghi mesi, le forti emozioni da quella sera  sono ricominciate e il suo motore ha riiniziato a girare sempre più, senza però schiacciare mai troppo sull’acceleratore. Così, un’oretta per sera, il buon Danilo ha ricominciato a fare quello che più sa fare al mondo: cantare e deliziare chi lo segue da diciassette anni (anche se a suo dire, sa fare tante altre cose divinamente, come cucinare).

Dopo qualche data e dovuto riposo lo rivediamo in quel di Cigliano (qualcuno sa dirmi se hanno spostato l’uscita dell’autostrada?), entrare sul palco dopo un paio di pezzi dei suoi compagni, molto in forma e più sprintoso che mai. Personalmente, due pezzi come ASIA e SENZA NOME valgono tutto il prezzo del biglietto.

Dopo l’assolo di Reggioli, le note del pianoforte introducono QUI, e allora capisci cosa vuol dire la parola emozione … Purtroppo la sua permanenza sul palco dura per noi troppo poco, forse non per lui che deve prendersi tutti i tempi, ad ogni modo è bello aver rivisto i NOMADI al completo e aver capito quanto il signor Sacco sia troppo importante per i NOMADI.

Luca C

INDIETRO      HOME PAGE