Concerto a Langhirano (PR)

A due settimane di distanza dal favoloso concerto di Castagnole Lanze, ci siamo ritrovati a Langhirano, nella patria del prosciutto, ad assistere a un nuovo concerto.8 Settembre, ore 12:45 si carica la macchina e poi via, verso Parma.Dopo una breve sosta in Autogrill finalmente arriviamo e, con nostra grande gioia, scopriamo che il concerto è a pochissimi passi dalla fiera del prosciutto, così tra unadegustazione e l’altra inganniamo l’attesa, allietati anche da una gioiosa banda e da graziosissime majorettes.

IMG_9827.JPGIn men che non si dica si sono fatte le 18 e i NOMADI iniziano ad arrivare per le prove, occasione perfetta per scambiare quattro chiacchiere e, perché no, “rubare” qualche scatto/autografo ed è proprio in quel momento che ci accorgiamo che tra i coristi c’è una new entry: Giuseppe Lopizzo, chiamato per sostituire Monica, impegnata con la Rai, per la registrazione di “Ti lascio una canzone”. Come sempre tutti i NOMADI sono disponibilissimi a farsi fotografare assieme ai propri fans, senza preoccuparsi troppo del tempo che scorre. Ma ecco che il buon Giovanni arriva a ricordare ai nostri beniamini che devono sbrigarsi a fare le prove, se non vogliono iniziare il concerto a pancia vuota, così iniziano i saluti e le prove possono cominciare. A fine prove è il momento perfetto per andare a cena e approfittarne per gustare altre squisite specialità locali, tra cui pasta con panna e prosciutto e torta fritta con prosciutto crudo. Terminata la cena c’è giusto il tempo per un caffè veloce, ma bisogna sbrigarsi: il concerto sta per iniziare. Finalmente, attorno alle 22 il concerto inizia con Cico illuminato da un raggio di luce, mentre intona le prime note di “Ricordarti” e, come sempre, l’emozione e l’adrenalina iniziano a salire, mentre si canta tutti insieme.

Durante la canzone “Crescerai” non possiamo fare a meno di notare il grande momento di tenerezza, in cui Cico abbraccia la figlia Carolina. Grandi emozioni anche con “Qui”, splendidamente interpretata da Sergio. Ecco però che, come al solito, il tempo fugge veloce e siamo già arrivati ad ascoltare “Canzone per un’amica”, “Dio è morto”, “Io vagabondo”; come gran finale tutti in piedi a saltare al “Tedeum”.

Tra saluti, abbracci e baci si è già fatta l’1:45. Ormai è ora di tornare a casa stanchi, ma felici per il concerto appena vissuto e soprattutto con le gambe pronte per dirigerci alla prossima tappa…

…e come sempre: SEMPRE NOMADI!! Alice F.

 

LANGHIRANO (PR)
8 SETTEMBRE 2012

E così sabato 8 settembre, decidiamo di andare a Langhirano per la FIERA DEL PROSCIUTTO CRUDO o per l’amore verso i NOMADI? CHISSA’!
Si parte con Rosalba e Pino verso la meta, e alle 16,00 arriviamo a Langhirano, un bel paesino sulle colline Parmensi.
Cerchiamo il luogo dove si terrà il concerto, dall’altra parte del paese rispetto a dove noi abbiamo lasciato la macchina, e così vediamo già tutte le bancarelle approntate per la fiera, e gli stand dove facevano assaggiare il prosciutto e dove si sarebbe poi potuto cenare. Arriviamo così nella piazza, con nostro dispiacere notiamo che ci sono solo posti a sedere sotto il palco, e chi vuole stare in piedi, oltre le transenne è molto lontano e per noi che piace vivere il concerto in piedi sotto il palco è un duro colpo, ma ci siamo dovuti arrendere all’evidenza e così abbiamo comprato i biglietti dei posti a sedere, anche se molto laterali, ma più vicini ai nostri beniamini.
A parte questo, appena arrivati è cominciata subito la festa trovando gli amici conosciuti ai concerti precedenti, e facendo poi due chiacchiere con i Nomadi e il BARBA e le relative foto, Cristina la corista, ci ha presentato Giuseppe il nuovo corista, perché Monica aveva altri impegni in tv.
Finite le prove ci troviamo con Bruno e Cristiana, scontenti anche loro per come erano sistemati i posti a sedere, Per tirarci su, andiamo a fare un giro per il paese,quanta gente, e a cercare un posto per mangiare ed essendo occupati tutti i posti a sedere all’aperto entriamo in questo locale molto bello e caratteristico, dove ci siamo abbuffati di prosciutto. Arriva così finalmente l’ora del concerto, che è stato bellissimo anche se non abbiamo potuto saltare su marinaio di vent’anni e io voglio vivere. Come sempre le battute di Cico hanno regalato momenti di ilarità, l’unico neo del concerto speravamo di sentire la canzone ”Ancora ci sei” live, ma l’anno messa come canzone di chiusura dopo il te deum.
Bravissimo Cristiano, che aggiungere di Lui è sempre più integrato nella famiglia nomade sembra che ne sia sempre stato partecipe.
Anche questa volta abbiamo portato la nostra GOCCIA di solidarietà per chi è meno fortunato, dovere e piacere viaggiano insieme.
Per ora purtroppo non ci resta che attendere il tour teatrale invernale che inizierà il 10 novembre a Roma e dove noi Paola, Rosalba, Michele e Pino saremo presenti, nell’attesa di ascoltare il nuovo cd dal vivo.

 

 

INDIETRO       HOME PAGE