NOVELLARA 2009

Anche quest’anno la comitiva dei  “VAGABONDI DELLA MOLE”  non poteva assolutamente mancare a quella che è la “Mecca” per il nostro  fans club: Novellara. Il Nomadincontro è un avvenimento meraviglioso, in esso è contenuta tutta  la passione del popolo nomade, il cuore pulsante di tutto il movimento che ruota intorno ai Nomadi passa, deve per forza passare , da questo piccolo centro della bassa emiliana. 

Seppure non numerosissimi, siamo partiti con entusiasmo  e voglia di divertirci. Il nostro pullman era riconoscibile dallo striscione appeso sul vetro posteriore ma soprattutto da un viso immobile e sorridente, che ci ha accompagnato per tutta la due giorni, cioè il nostro presidente, non fisicamente con noi, ma tutto ciccia e …cartone. Arrivati in quel di Novellara, sazi e contenti, abbiamo posato sul palco gli scatoloni contenenti materiale didattico e non, per poi dirigerci in centro,  per l’immancabile visita all’amico Ago. L’emozione è sempre la stessa ed è sempre intensa!

In attesa del concerto serale,  assistiamo ad un piccolo spezzone della partita di calcio tra i Nomadi e lo staff  di Radio Bruno, dove tra l’altro, viene premiato  “ UNO COME NOI”  Neri  Marcorè.

Il concerto del sabato sera, “come vuole tradizione”, è davvero tosto, basti pensare che si inizia con SENZA PATRIA e a seguire C’E’ UN RE. Ma tutto il concerto si autoalimenta di emozioni vere ed intense, anche grazie alla sempre più potente ed indescrivibile personalità e voce del signor Sacco … tra l’altro, qualcuno di noi, sottolineava la sempre maggiore assomiglianza, anche fisica, con  Daolio.

Dopo una dormita rigenerante, e aver salutato Dante Pergreffi, le nostre gambe e i nostri cuori sono state pronte ad affrontare la vera festa della domenica, quando tutto il popolo nomade si riversa come un fiume per le strade di Novellara. La calda voce di Augusto esce dagli altoparlanti posizionati dentro la Rocca, la gente  osserva i suoi quadri meravigliosi, si beve un bicchiere di vino in compagnia sotto il sole; Novellara è anche questa, semplicità e voglia di vivere!

Il concerto della domenica inizia con un po’ di tensione che si respira nell’aria, proprio quando viene consegnato a Letizia Moratti il premio NOMADE DELL’ANNO. Molti fischi si levano sotto il tendone, nonostante mastro Beppe Carletti abbia preparato il terreno in precedenza motivando la scelta. Anche l’amico Red Ronnie ha forse sbagliato nel dire che una parte del pubblico lo ha per la prima volta deluso, non ci si dimentichi che esiste la libertà di espressione, anche se in fin dei conti dispiace se non altro perché all’interno di un momento di solidarietà.

Il live inizia alla grande e continua alla grandissima, quando sul palco entra Giusy Ferreri a ritirare il premio “TRIBUTO AD AUGUSTO”, molto emozionata e felice ringrazia i Nomadi e consegna l’assegno ricevuto ad un ASSOCIAZIONE PER LA RICERCA SUL CANCRO. Ovazione assoluta quando LUCIANO LIGABUE  si presenta sul palco, interpretando  “Ho difeso il mio amore”, con solo chitarra, armonica e voce … A lui il grande riconoscimento del “TRIBUTO SPECIALE AUGUSTO DAOLIO”.

Il  concerto continua con l’esecuzione di molte canzoni  che furono di Augusto, in modo particolare MA CHE FILM LA VITA, per arrivare ad una  IO VAGABONDO da tuffo al cuore.

La vicepresidente ha ringraziato  tutti i Vagabondi che hanno partecipato, per la collaborazione e la simpatia dimostrata, che tra l’altro, ci ha permesso di devolvere la cifra di euro 100 all’ ASSOCIAZIONE AUGUSTO PER LA VITA direttamente nelle mani di Rosi Fantuzzi.

Che aggiungere, anche in questa occasione di festa siamo riusciti a fare della solidarietà!!

SEMPRE NOMADI
LUCA

 

INDIETRO       HOME PAGE