HO (T)TANTA voglie di Nomadi
TEATRO COLOSSEO TORINO 2014

Eccoli, sono di nuovo sotto casa nostra, in una trafficata (tanto da far faticare anche Cico a trovare parcheggio) ma calorosa e affettuosa Torino. Per rendere Torino meno caotica potremmo attrezzarci ma difficilmente ottenere risultati, però per quanto riguarda l’accoglienza, nessun ostacolo può impedirci di dimostrare il nostro affetto verso quei sei dispensatori di emozioni: ci possiamo tranquillamente pensare noi.
E questa volta, il risultato è stato di nuovo grande, grazie a più di Ottanta fra Vagabondi, amici e simpatizzanti pronti, fra con coreografie e tanta, tanta voce (anche da seduti) a dare il benvenuto a Beppe & C nella nostra città.
Prima del concerto, una pizza in compagnia, giusto per scaldare gli animi (l’ugola no, in pizzeria non è il caso), stare insieme e assumere le calorie per poi dopo dare il meglio di sé. Il pre concerto è anche questo: condividere ipotesi di scaletta e anticipazioni da chi ha potuto assistere alle prove, abbracciare e rivedere tanti compagni di avventure che altrimenti rischi di sentire solo su wattsapp o sui social nel posto da sempre risaputo come più rilassante (e come dice qualcuno ottimo per fare progetti): con le gambe sotto al tavolo. E quando si è in tanti …. È ancora più bello!
In teatro saremo poi tutti vicini, lì sotto il palco, nelle prime 4 file… solo noi, solo persone già affiatate pronte a far sì che almeno il pubblico davanti sia, come dev’essere, il settimo componente del gruppo. A sipario alzato, l’esordio è di “Per fare un uomo” presentata da un video messaggio di due bambini, e poi via una kermesse di musica a tutto spiano arricchita da tante altre sorprese: un medley di Riverisco, Il fiore nero e soprattutto una rivisitazione della mai più sentita Cammina cammina con Beppe alla Fisarmonica…. Bellissima! E poi, dopo la pausa di metà concerto, ancora novità “Qui” (in versione Cristiano), La Deriva (dopo la sorpresa del suo inserimento in 50+1) e una splendida versione di In Favelas, con tanto di video messaggio del Presidente dell’Uruguay…. Roba da far alzare il pubblico in piedi, con un grande applauso, in segno di grande rispetto per quelle parole che dovrebbero essere messe in pratica tutti i giorni.
E dopo questo … il nostro turno! Grazie a Stefy il nostro “io voglio vivere” anche se da seduti ha potuto avere la gioia che si merita con una serie di palloncini colorati (povera, gran parte gonfiati a fiato) che hanno più che degnamente sostituito i coriandoli e…. Tante tante manine colorate hanno allietato “il vento tra le mani”. Torino c’è e oltre a farsi sentire si fa vedere!
Noi ce l’abbiamo messa tutta, sicuramente il nostro affetto loro, da lassù, lo hanno sentito.
E ora non ci resta che darci l’arrivederci ad Asti Amici, per altre nuove emozioni!


Milena

 

INDIETRO      HOME PAGE